La prima Banca Dati dell'Oggetto d'Arte e di Design

  • Wannenes
  • Christies
  • Cambi
  • Lotto esempio
  • Lotto esempio 2
  • NTQ

Sotheby’s Hong Kong, 8 ottobre, sette aste di arte cinese per 70 milioni di euro


Posted on ottobre 10th, by Teresa in Aste in Evidenza.

Sotheby’s Hong Kong, 8 ottobre, sette aste di arte cinese per 70 milioni di euro

Si è svolta mercoledì 8 ad Hong Kong, presso il Convention Exhibition Centre, un’ importante serie di  aste Sotheby’s di preziosi oggetti provenienti da collezioni private, il cui lotto di punta era la giara “dragone”, del periodo Qianlong (1735-96), proveniente dalla collezione Fonthill, stimata oltre 8 milioni di euro. La magnifica giara celadon, cui è stata dedicata l’intera asta, e che infatti è stata aggiudicata a più di 9.600.000 euro, deve il suo altissimo valore alla superba combinazione di forma, dimensione (è infatti leggermente più larga degli esemplari precedenti), e stile decorativo. E’ di eccezionale qualità l’incisione, il dragone tra onde e nuvole, che ne costituisce la decorazione esterna. Questo la rende un prodotto caratteristico del periodo in cui Tang Ying (1682-1757) era supervisore della fornace imperiale a Jingdezhen e le aspettative sui manufatti in porcellana erano ai livelli più alti.

La seconda asta monotematica è stata dedicata invece al calice “pesce” del peridodo  Xuande (1426 – 35), proveniente dalla collezione Chunzaizhai. Il piccolo calice (8.8 cm), stimato tra i 4 e i 5,5 milioni di euro, ed aggiudicato per 4 milioni e mezzo, è l’unico esemplare di questo particolare tipo e formato che sia mai giunto sul mercato, dopo aver trascorso 20 anni nella Fondazione Chang a Taipei. La radicale semplicità del suo decoro a tre pesci non ha pari nella storia della decorazione della pocellana cinese e testimonia sia l’approccio innovativo alla pittura delle fornaci imperiali a Jingdezhen , sia i progressi tecnici nella cottura del rosso rame, un pigmento notoriamente instabile. Il cromatismo splendente del colore e la qualità della texture delle silhouette fu raggiunta solo nel periodo Xuande e mai più eguagliata. Non sono più molti ormai i pezzi di questo livello, con decorazione in vetrina rossa, ancora disponibili sul mercato.

Ancora, sulla scia del precedente successo dell’asta di porcellane della collezione “Sakamoto Goro”, Sotheby’s ha riproposto una selezione di nove pezzi appartenenti alla famosa selezione del leggendario antiquario, esperto e collezionista, venduti singolarmente per un totale di 2.324.485 euro.  I top lot di questa terza asta risalgono entrambi  alla dinastia Yuan (1279 -1368): un frammento di meiping delicatamente dipinto in vivide sfumature di blu cobalto, raffigurante una scena narrativa che allude allo zaju, stimato tra 307 mila e 409 mila euro e aggiudicato a 495.511 euro, ed un vaso di porcellana celadon estremamente raro con decorazione a dragone applicata, proveniente dalla collezione Tokugawa, stimato tra 819 mila ed un milione di euro ed aggiudicato a 741 mila euro.

Un’eclettica selezione di porcellane, arredi, dipinti e calligrafie, realizzati durante la dinastia Qing (1644-1912), è stata proposta per la quarta vendita:  la grande asta di cimeli di famiglia appartenuti al clan Hosokawa, che ha totalizzato oltre 16 milioni di euro. Tra gli highlights ci sono due oggetti del periodo Qianlong: un magnifico e raro tavolo esagonale  intagliato in legno di zitan (il legno più ricercato dalla corte imperiale cinese), con decorazione a floreale, stimato tra 611 mila e 815 mila euro e venduto per  1.595.000 euro, ed un rotolo imperiale con paesaggio, datato verso il 1746, stimato tra 407 e 611 mila euro e aggiudicato a 2.753.000 euro.

Un’altra asta tematica è stata dedicata alle ceramiche laccate della collezione Baoyizhai. Le ceramiche laccate avevano sostituito i bronzi rituali durante l’ultimo periodo della dinastia Zhou orientale (770-256 a.C.), divenendo i più ambiti oggetti di lusso che potessero essere posseduti. Il risultato totale realizzato delle 28 ceramiche in asta è stato di 687.636 euro.  Ancora, il risultato è stato di  3.493.239 invece per l’asta dei tardi bronzi cinesi collezionati meticolosamente in 45 anni dall’architetto tedesco Ulrich Hausmann. Le tipologie di oggetti in vendita erano brucia incensi, recipienti arcaicizzanti, contagocce, scaldamani e figure religiose, che riflettevano il raffinato gusto delle élite dotte dalla dinastia Song (960-1279) alla Qing (1644-1912. Top lot di quest’asta un brucia incenso del XVII-XVIII secolo, stimato tra 10 mila e 15 mila euro e aggiudicato per 311 mila euro circa.

Per concludere la giornata, una grande asta da più di duecento lotti, nella quale Sotheby’s ha proposto importanti e pregiate ceramiche appartenenti ad un periodo che va dalla dinastia Ming (1368-1644) alla dinastia Qing, totalizzando una vendita di oltre 34 milioni di euro.
 Top lot di questa asta un vaso yangcai a fondo giallo, che rappresenta in maniera eccellente la sintesi di gusto cinese classico e tecnica decorativa e colori occidentali raggiunta nella lavorazione della porcellana durante il regno dell’imperatore Qianlong (1735-96), noto infatti per il suo amore per i pezzi yangcai. Nel caso specifico è inoltre innovativa la combinazione decorativa a “fiori su broccato”, realizzata a sgraffio. Questo vaso, stimato tra 3 e 4 milioni di euro, è stato venduto per  5.8 milioni di euro. Una coppa della corte Chenghua (1447-1487) blu e bianca, tra le più raffinate e rare mai prodotte dalle fornaci imperiali, stimata tra 4 e 6 milioni di euro e venduta per 5.700.000 euro circa, rappresenta l’altro top lot di questa asta. L’interno e l’esterno di questa coppa sono decorati con delicati ed ondeggianti fiori di malva moscata, che apparvero per la prima volta nel XV secolo come decorazione della porcellana blu e bianca. Si tratta di un esemplare molto raro, uno dei due che soli sono rimasti in mani private con questo tipo di decorazione, mentre tutti gli altri (undici) sono ormai custoditi nei musei, in Asia ed in Europa.

In definitiva, una ricca giornata per Sotheby’s Hong Kong che, con queste sette aste, ha proposto circa 420 lotti, per una stima totale di oltre 53 milioni di euro, oltrepassando i 70 milioni di euro nelle vendite.






page2


 
Login Database

Hai dimenticato la password?

×


 
Registrazione


I vantaggi di registrarsi:

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa sulla privacy ( D.Lgs. 196/03) e di prestare il libero consenso al trattamento dei dati personali. Trattamento dei dati personali

Desidero ricevere la newsletter

×