La prima Banca Dati dell'Oggetto d'Arte e di Design

  • Noble and Private Collections
  • Arts Decoratifs
  • Design first
  • Top lot 2017
  • Lotto esempio
  • loto esempio n2
  • NTQ

Dorotheum fa il bilancio di metà anno


Posted on luglio 21st, by Marco in Aste in Evidenza.

Dorotheum fa il bilancio di metà anno

Dorotheum, fondata a Vienna nel lontano 1707, è la più antica casa d’aste del mondo e la maggiore dell’Europa continentale, con uffici e sedi di rappresentanza nelle più importanti città europee. Nell’imminenza della pausa estiva, è possibile guardare ai risultati più notevoli delle aste di Arte Moderna, Arte Contemporanea, Argenti e Old Master di questo primo semestre 2013.

Hans Makart, La morte di Cleopatra, eur 757.300

Un anonimo collezionista statunitense si è assicurato una conturbante Morte di Cleopatra, dipinta nel 1875 dall’austriaco Hans Makart (1840-1884): record mondiale per questo pittore storicista, a 757.300 euro. Una ragguardevole cifra è stata raggiunta anche da una Allegoria dell’Abbondanza di Giuseppe Maria Crespi (366.300 euro) e soprattutto da un Cristo deriso di Jusepe de Ribera (711.300 euro).

Josef Hoffmann, Set da toilette, eur 172.860

Per l’arte contemporanea, il record è di Ilya Kabakov, con un’opera del 2001 ispirata ai suoi lavori degli anni Ottanta (366.300 euro), mentre un posto d’onore è riservato alla Superficie nera di Enrico Castellani (280.900 euro). I primi due posti nella categoria dell’arte moderna sono occupati da nomi di spicco del Novecento. Una Composizione a fondo giallo di Fernand Leger (366.300 euro) e un Paesaggio di Giorgio Morandi (389.300 euro).

L’asta dedicata all’Art Nouveau in maggio ha visto l’assegnazione di un set da toilette disegnato da Josef Hoffman, uno dei protagonisti della Secessione viennese, a 172.860 euro. Forte interesse internazionale ha suscitato la successiva asta di argenti russi, dove un samovar dello zar Alessandro I proveniente da San Pietroburgo e dal notevole peso di 5,3 chili ha raggiunto la cifra di 122.300 euro. L’ultima segnalazione va a una specialità della casa d’aste viennese, ovvero le vendite di memorabilia della corte imperiale asburgica: una ciocca di capelli dell’imperatore Francesco Giuseppe è stata venduta a 13.270 euro.






page2


 
Login Database

Hai dimenticato la password?

×


 
Registrazione


I vantaggi di registrarsi:

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa sulla privacy ( D.Lgs. 196/03) e di prestare il libero consenso al trattamento dei dati personali. Trattamento dei dati personali

Desidero ricevere la newsletter

×