La prima Banca Dati dell'Oggetto d'Arte e di Design

  • Noble and Private Collections
  • Arts Decoratifs
  • Design first
  • Top lot 2017
  • Lotto esempio
  • loto esempio n2
  • NTQ

Da Wannenes, tra argenti e maioliche


Posted on novembre 12th, by Carolina Argentieri in Aste in Evidenza.

Da Wannenes, tra argenti e maioliche

Il 18 19 novembre, il Palazzo del Melograno a Genova accoglierà un importante evento della casa d’aste Wannenes.

L’asta che avrà luogo nel corso dei due giorni, sarà divisa in quattro sezioni che proporranno oggetti di vario genere. Dagli argenti, le icone  e l’arte russa, passando per maioliche e porcellane, fino alle maioliche rinascimentali. Inoltre una sezione dell’asta sarà dedicata a gioielli e orologi.

Per quanto riguarda la prima sezione, quella dedicata agli argenti, uno dei pezzi più belli in vendita è un oggetto appartenente alla famiglia Borghese. Si tratta di un elegante caffettiera in argento cesellata a Roma nel 1820 dall’orafo Gioacchino Belli e recante lo stemma della famiglia: con base circolare e bordura fogliacea, corpo piriforme con fascia decorativa naturalistica ed emblema araldico, boccaglio antropomorfo, pomolo e manico in legno (stima 5.000 – 10.000 euro). La meravigliosa opera, fastosa in ogni dettaglio, rappresenta lo sfarzo che doveva caratterizzare questa nobile famiglia di origine toscana che, per secoli è stata una delle più influenti dinastie italiane, caratterizzando la storia politica e religiosa di Roma.

Per quanto riguarda invece la sezioni riguardante le maioliche continentali, nucleo centrale è certamente l’importante gruppo di maioliche uscite tra il XVII e XVIII secolo dalle fornaci di Castelli d’Abruzzo. Si tratta di un insieme notevole sia per la quantità di opere offerte (quindici) sia per la loro qualità, riunito negli anni Sessanta del secolo scorso da un appassionato milanese, e che comprende tra gli altri un importante piatto raffigurante una scena allegorica con Mercurio e il Tempo firmato da Saverio Grue e databile alla prima metà del Settecento (stima 7.200 – 8.000 euro), ed una interessante maiolica coeva sempre di fornace castellana decorata con Fetonte inginocchiato davanti alla madre Climene, soggetto tratto dall’incisore anonimo indicato dagli studi come Anonimo da H. Goltzius (stima 2.400 – 3.000 euro). Secondo il mito, Fetonte, per far vedere ad Epafo che Apollo era veramente suo padre, lo pregò di lasciargli guidare il carro del Sole; ma, a causa della sua inesperienza, ne perse il controllo, i cavalli si imbizzarrirono e corsero all’impazzata per la volta celeste: prima salirono troppo in alto, bruciando un tratto del cielo che divenne la Via Lattea, quindi scesero troppo vicino alla terra, devastando la Libia che divenne un deserto. Gli abitanti della terra chiesero aiuto a Zeus che intervenne per salvare la terra e, adirato, scagliò un fulmine contro Fetonte, che cadde alle foci del fiume Eridano, nell’odierna Crespino sul Po. Le sue sorelle, le Eliadi, spaventate, piansero abbondanti lacrime con viso afflitto e vennero trasformate dagli dèi in pioppi biancheggianti. Le loro lacrime divennero ambra.

Nella sezione dedicata alle maioliche rinascimentali Il catalogo viene  ripartito tra produzioni meridionali, marchigiane e dei maggiori centri di produzione cinquecenteschi, come Urbino, Faenza, Venezia, Montelupo e Deruta, fornisce un panorama importante della miglior produzione ceramica del periodo aureo della storia dell’arte del nostro Paese.
Rara e fulgida presenza nel catalogo di uno splendido piatto ‘istoriato’ con giuoco di cerbottana di sei putti che costituisce un raro saggio della fase giovanile di Francesco Xanto Avelli, quella anteriore alla sua presenza in Urbino, dopo il 1530, soggetto profano desunto dalle stampe di Marcantonio Raimondi (lotto 520, stima di 150.000 – 180.000 euro). L’opera mostra caratteri stilistici tipicamente “xantiani” (tavolozza di colori accesi e brillanti, segno di contorno sicuro e vigoroso, scenica capacità di allestire lo spazio con architetture classiche), cui unisce il gusto per l’intreccio allegorico, che è aspetto umanistico tanto congeniale al maestro.

 

 

 

 

 

 

 

http://www.wannenesgroup.com/asta.php






page2


 
Login Database

Hai dimenticato la password?

×


 
Registrazione


I vantaggi di registrarsi:

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa sulla privacy ( D.Lgs. 196/03) e di prestare il libero consenso al trattamento dei dati personali. Trattamento dei dati personali

Desidero ricevere la newsletter

×